Territorio
09/11/2022
Una biblioteca su Bologna

Sarà inaugurata domani, giovedì 10 novembre alle 17, alla presenza anche del sindaco, Matteo Lepore, e della presidente del Quartiere, Adriana Locascio, una nuova e originalissima biblioteca.


Nella sede di Emil Banca, in via Mazzini152, sono stati collocati a scaffale e messi a disposizione di tutti oltre 8000 documenti sulla città e sulla sua provincia, tra libri, riviste, giornali ed opuscoli vari.

Sono volumi sulla storia, sull’evoluzione del sistema economico, sull’arte e sulle istituzioni della Città: una sorta di grande raccolta sulla bolognesità attraverso gli scritti dei suoi protagonisti.

Negli scaffali in legno della nuova struttura trovano spazio collane e pubblicazioni singole, libri antichi e più recenti, alcuni stampati con tirature limitate e ormai introvabili. 

libreria bo

Ci sono volumi iconografici, come Bologna 1900. Viaggi fotografici di Giuseppe Michelini (1873 - 1951) edito da Grafis/Zanichelli nel 1980, e volumi di ricercatori che hanno lasciato una traccia indelebile nel patrimonio culturale cittadino, come quelli di Luigi Fantini o Luigi Arbizzani, solo per citarne alcuni. 

Tra i più preziosi figurano la “Cronica come Anniballe Bentiuoglij fu preso et menato de pregione et poi morto e uendicato per Misser Galeazzo Marscotto di Calu”, edito da Ferdinando Guidicini e stampato dalla Regia Tipografia nel 1869. Sugli scafali trovano posto anche libri stampati nel 1600.

I volumi, collocati come nelle biblioteche pubbliche, toccano tutte e dieci le classi possibili della catalogazione Dewey, con prevalenza delle scienze sociali, dell’arte, della storia e della geografia del territorio. Tutti i volumi si potranno consultare liberamente nei giorni e negli orari di apertura della Banca.

L’appuntamento, aperto al pubblico, è per le 17 quando sarà il direttore generale di Emil Banca, e primo promotore di questo nuovo progetto, assieme al sindaco, Matteo Lepore, e alla presidente del Quartiere, Adriana Locascio, ad inaugurare la biblioteca. 

Seguirà poi un intervento dello storico Marco Poli sul tema: Libri e biblioteche ricchezze che non tramontano

“Bologna oggi diventa più ricca: una nuova biblioteca, disponibile a tutta la cittadinanza in un ambiente comodo e attrezzato è un plus per la città anche perché nei dintorni per un raggio di chilometri non esiste un’altra biblioteca - ha commentato Poli - Non solo i clienti di Emil Banca, ma tutti coloro che desiderano leggere potranno trovare testi di vari generi in una biblioteca suddivisa per tematiche. Emil Banca - ha concluso lo storico - conferma la tradizione di banche attente al territorio, vicine alla cittadinanza e che decidono di investire gli utili facendo crescere il welfare, anche nel settore primario della diffusione della cultura”