Trasparenza

Trasparenza

close
 
Partnership
11/12/2019
Informazioni puntuali per far crescere il turismo a Bologna

Bologna Welcome ed Emil Banca presentano H-Benchmark

L’esigenza è quella di avere dati più specifici relativi all’andamento del turismo nella destinazione Bologna metropolitana. Per questo motivo, a partire dagli ultimi mesi del 2019, Bologna Welcome e la Camera di Commercio di Bologna adottano uno strumento che consentirà alla destinazione turistica una sempre maggiore precisione nella rilevazione dei dati relativi alle presenze di visitatori sul territorio.

Con il supporto di Emil Banca, la destinazione sceglie H-Benchmark, la piattaforma online di Hospitality data intelligence che aggrega i dati provenienti dai gestionali di prenotazione di un campione significativo di hotel del territorio, e restituisce in tempo reale e in forma anonima e aggregata i dati sull’andamento delle occupazioni delle stanze.

L’adozione di H-Benchmark permette di eliminare definitivamente una delle criticità degli strumenti di programmazione e pianificazione utilizzati sino ad oggi, ovvero il fatto che essi fossero basati su informazioni obsolete, parziali, non rappresentative dello scenario del momento e orientate ad una visione meramente quantitativa dei dati. Ad oggi sul territorio vengono monitorate 29 strutture (2822 camere) alle quali si aggiungeranno a breve ulteriori 8 strutture per un totale di 3636 camere monitorate.

Come funziona H-Benchmark: lo strumento raccoglie i dati dei singoli hotel che riguardano le prenotazioni degli ultimi 24 mesi e dei prossimi 12 mesi. I dati vengono quotidianamente aggiornati per avere informazioni sempre accurate, e fornire in questo modo una panoramica sull’andamento dei trend delle prenotazioni e degli ospiti sul territorio non solo per il passato, ma anche per il futuro.

I numeri provenienti dai singoli hotel vengono trasmessi direttamente alla piattaforma H-Benchmark, senza possibilità di intervento manuali da parte del personale degli alberghi, garantendo in questo modo l'assoluta correttezza del dato.

I dati raccolti da H-Benchmark non includono ovviamente in nessun caso i dati sensibili dell’ospite ma riguardano esclusivamente le informazioni più importanti per la costruzione di una statistica:

  • Date di arrivo e partenza
  • Numero delle persone e tipologia di camera
  • Canale di prenotazione e segmento di mercato (quindi ospiti business o turisti)
  • Provenienza degli ospiti
  • Valore economico

Uno dei maggiori vantaggi rappresentato da questa piattaforma è proprio la possibilità di un aggiornamento in tempo reale, oltre a un costante confronto con i medesimi intervalli di tempo negli anni precedenti, consentendo una scientifica misurazione delle tendenze passate e proiezione di andamenti futuri del mercato locale. 

Uno strumento utile quindi per evidenziare le dinamiche positive e negative e orientare la destinazione nella scelta delle strategie di promozione, ma anche importante per gli hotel stessi per aiutarli a intraprendere la direzione più efficace ed efficiente, monitorando lo stato di salute di una destinazione, suggerendo strategie agli operatori, ottimizzando le azioni di comunicazione.  

Non meno importante, H-Benchmark consente di avere una misurazione reale dell’impatto degli eventi con l’aumento dell’affluenza turistica e della redditività sul territorio, misurando in questo modo anche il ritorno degli investimenti in promozione della destinazione verso i mercati nazionali e internazionali, o anche semplicemente capire come le variazioni del meteo influiscono sulle potenzialità di prenotazione e attrattività dio una destinazione.  

“Impostiamo da oggi uno strumento di big data condivisi e creati su misura. Bologna Welcome continua a guardare al futuro e a fornire strumenti positivi: la raccolta e l’analisi dei dati diventeranno una innovativa base per creare nuove opportunità” dichiara Valerio Veronesi, presidente della Camera di commercio di Bologna.”

“Il turismo è un fenomeno complesso, il cui andamento dipende da un ventaglio di fattori che interagiscono tra loro in modo variabile. Avere numeri e dati precisi è fondamentale per la destinazione, per basare le nostre scelte su fattori concreti e non su stime imprecise” dichiara Celso de Scrilli, Presidente di Bologna Welcome. “Con questa scelta vogliamo anche lavorare a supporto degli attori del territorio che si occupano di ospitalità, aiutandoli il più possibile nell’orientarsi verso decisioni strategiche che possano generare reddito e avere un impatto positivo per l’economia del territorio, consentendo di fare sempre più spazio al lavoro sulla qualità dell’accoglienza, nostro principale obiettivo per i prossimi anni.”

“Emil Banca ha deciso di finanziare interamente la sperimentazione di questo nuovo strumento, proposto a Bologna Welcome da un’azienda che conosciamo grazie alla nostra adesione al gruppo Cooperativo Iccrea, dimostrando per l’ennesima volta un’attenzione davvero particolare per lo sviluppo locale” - ha dichiarato Daniele Ravaglia, direttore genarle Emil Banca. “I turisti ci apprezzano soprattutto per  le nostre tradizioni, la nostra storia e la nostra genuinità - ha concluso ravaglia - ma per competere sui mercati servono strumenti all’avanguardia come quello che, grazie alla collaborazione di soggetti pubblici e privati, sarà messo a disposizione di tutti gli operatori del territorio”.

“H-Benchmark è una società italiana, nata all'interno del Gruppo Develon il quale ha sostenuto la progettazione e la crescita. Oggi siamo presenti in più di 28 destinazioni in Italia ed estero, dichiara Francesco Traverso, Amministratore di H-Benchmark “il nostro obiettivo è di stare al fianco degli operatori, garantendo l'anonimato del dato ed impegnandoci ogni giorno nel servire informazioni puntuali e fondamentali per un mercato così dinamico e veloce. È un traguardo importante per H-benchmark fornire i propri servizi ad una destinazione prestigiosa come Bologna, sempre  più modello di riferimento per le altre destinazioni turistiche in Italia. La nostra piattaforma di Hospitality Data Intelligence è maturata grazie ad un attento ascolto delle esigenze del settore turistico il quale ha subito una profonda trasformazione dalla rivoluzione digitale.”