Emil Banca arreda una stanza della Casa del Sollievo dell’Ado Ferrara

Solidarietà

Il direttore generale di Emil Banca, Daniele Ravaglia, assieme al direttore della filiale Emil Banca di Ferrara-Cavour, Luca Peruzzi, ha consegnato a Daniela Furiani, presidentessa della Fondazione Ado Ferrara, un assegno a 5 mila euro per contribuire alla raccolta fondi che la Fondazione ha attivato sulla piattaforma di crowdfunding, Ginger, finalizzata alla costruzione della Casa del Sollievo per permettere a chi soffre di una patologia neurologica degenerativa di vivere nel modo più pieno possibile.

La cifra donata da Emil Banca servirà per arredare una delle venti stanze che la Casa del Sollievo avrà una volta a regime.

Partita con l’obiettivo di reperire le risorse per arredare almeno una stanza, la raccolta fondi on line sta andando molto bene e le risorse raccolte ad oggi permetteranno alla Fondazione Ado Ferrara di arredarne almeno sei. Ma, come si legge nel sito di Ginger, la raccolta continua per cercare di arredare tutte le stanze previste dal progetto della Casa del Sollievo.

Siamo molto felici sia di poter contribuire ad un progetto così importante sia che la raccolta fondi on-line che abbiamo attivato assieme ad Ado e Ginger stia andando ben oltre le aspettative - ha commentato il direttore generale Emil Banca, Ravaglia - siamo altresì convinti che con un piccolo aiuto da parte di tutti questo progetto possa essere interamente finanziato grazie al crowdfunding”.

“Le persone affette da sclerosi multipla, sclerosi laterale amiotrofica e dal morbo di Parkinson, spesso si vedono progressivamente private della possibilità di compiere numerosi gesti quotidiani, con la conseguente riduzione della propria qualità della vita - spiegano dalla Fondazione - Per questo motivo abbiamo deciso di costruire a Ferrara la Casa del Sollievo, per assistere i malati in un ambiente accogliente, che permetta loro di vivere nel modo più pieno possibile e impedisca che la sofferenza della malattia sia amplificata dal vuoto lasciato dalla scomparsa di tanti istanti e gesti che riempiono di significato la vita. L’assistenza sarà completamente gratuita e la struttura, la prima di questo tipo in Italia, sarà a disposizione dei pazienti e delle loro famiglie anche per brevi periodi di convalescenza o per ricoveri di sollievo”.

08/01/2018